Sport e casinò in continua crescita, ecco i dati di gennaio

online-gaming2

Sono stati appena pubblicati i dati relativi all’investimento degli italiani nel gaming online. Dati particolarmente positivi per il comparto, visto e considerato che nel primo mese del nuovo anno, le scommesse sportive sono cresciute del 97% rispetto all’anno precedente, andando a trascinare al rialzo altri settori di questo mondo in continua espansione.

Non tutto è oro, comunque, quel che luccica. Se alcuni settori come lo sport online, stanno crescendo in stabile doppia cifra (o sfiorando la tripla, come nel caso appena espresso) è anche vero che altri settori sono in maggiore difficoltà: è il caso del poker online, che ha chiuso gennaio 2016 con un calo del 16% per quanto concerne la modalità poker cash game, e con un passo indietro del 9% per quanto concerne invece la modalità in torneo.

Molto meglio va per quanto riguarda gli altri giochi online italiani, che mostrano un forte incremento rispetto al primo mese dello scorso anno. I casinò online balzano in avanti del 26%, mentre le sommesse sportive online, come già accennato, fanno registrare un avanzamento record del 97%, con la spesa effettiva che raggiunge i 35,6 milioni di euro e una raccolta di oltre 319 milioni di euro.

Ragionando in termini assoluti, la raccolta maggiore è ancora ascrivibile al casino online, che chiude il periodo in esame con una raccolta di 1.062,8 milioni di euro, spesa di 37,4 milioni di euro, in aumento rispetto alla spesa di 25,8 milioni di euro conseguita nello stesso periodo dell’anno precedente. Per il Bingo online la raccolta è di 10,2 milioni di euro, a fronte di una spesa di 2,8 milioni di euro, in aumento rispetto alla spesa di 2,7 milioni di euro di un anno fa.

Ancora, per il poker cash game la raccolta è stata pari a 270,9 milioni di euro, a fronte di una spesa mensile di 7,6 milioni di euro, in calo rispetto alla spesa di 9 milioni di euro di un anno prima. La spesa per il poker a torneo è di 7,1 milioni di euro, in flessione rispetto alla spesa di 7,8 milioni di euro di un anno fa, e con una raccolta complessiva di 71,1 milioni di euro.

L’appuntamento è ora con la pubblicazione dei dati di febbraio, e con la curiosità di capire se i trend sopra riportati siano o meno in linea con le effettive attese…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *