Poker Hall of Fame 2016, al via le nomination

f10bc7a4dd

Hanno preso il via anche quest’anno i termini per la presentazione dei nomi che sono candidabili alla Poker Hall of Fame. Candidabili mediante il sito internet Wsop.com, si tratta di una fase preliminare molto importante per poter portare in cima alla Hall of Fame mondiale, edizione 2016, il proprio giocatore di poker preferito.

Proprio per questo motivo, molti pokeristi italiani si stanno organizzato per poter portare avanti il nome di un italiano, e fare in modo che un connazionale possa essere iscritto nella prestigiosissima Hall of Fame Wsop. Per l’edizione 2016, il nome tricolore più gettonato sembra essere ancora una volta quello di Max Pescatori, nominato già lo scorso anno e, probabilmente, unico giocatore realmente in grado di poter possedere quei requisiti minimi per poter avere accesso alla Hall of Fame: è testimonial della società del gruppo Igt che si occupa di poker, Lottomatica.it Poker, è team manager dei Rome Emperors che partecipano alla Global Poker League, ed è ambassador di Prominence Poker, uno dei nuovi giochi nel settore.

Non solo. Max Pescatori è anche in grado di vantare numerosissimi ruoli di rilievo nelle principali aziende che stanno contribuendo da anni allo sviluppo del gioco del poker, ha scritto molti libri, ha rilasciato un lunghissimo numero di interviste, ha partecipato a speciali in tv e tanto altro ancora. Insomma, un volto notissimo, che potrebbe portare a compimento la propria scalata internazionale andando a inserirsi all’interno della ribattezzata Hall fo Fame.

Naturalmente, la vittoria non è affatto semplice. Tuttavia, come popolarità, come numero di vittorie da professionista e non solo, è uno dei pochi nomi europei che può essere inserito nella lista dei potenziali.

Per quanto concerne il regolamento delle candidature alla Hall of Fame è infatti previsto che il nome presentato debba aver giocato contro tutti i migliori del mondo, e debba avere una riconosciuta concorrenza di livello superiore, oltre che high stakes. È inoltre necessario che abbia almeno 40 anni al momento delle nomination, e che abbia sempre giocato con correttezza, guadagnandosi il rispetto degli altri giocatori. Deve altresì – ed è questo uno dei requisiti più duri – aver superato i 20 anni di attività nel poker..

E voi che ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *