Giochi online, gli italiani non sanno rinunciarci!

giochionline

Secondo quanto afferma la ricerca condotta da Voices from the blogs, un progetto avviato dall’Università degli Studi di Milano, il 41,8 per cento degli italiani non riesce a resistere ai videogiochi in rete e ai giochi online: dai casino telematici ai browser game con tema gioco di ruolo, sembra proprio che la rete rappresenti oramai un canale imprescindibile per tutti coloro i quali desiderano alimentare la propria voglia di gioco d’azzardo, o meno.

Ma non solo: secondo quanto afferma la stessa ricerca, infatti, il gioco online non va inteso solamente come “svago“, bensì anche come argomento di conversazione. A dimostrazione di ciò, il fatto che – stando a Voices from the blogs – l’84 per cento dei videogiocatori online ami parlare della propria passione anche sui social network più noti, come Facebook e Twitter. In questi termini, pertanto, il gioco online non solamente diventa una forma di svago sempre più fruita, bensì anche una forma di aggregazione sociale e di condivisione, con la propria esperienza e i propri successi che vengono ostentati sulle piattaforma di social network, dove abbondano anche richieste di consigli e di trucchi, e altri suggerimenti per poter migliorare le proprie capacità.

Ad ulteriore integrazione di quanto sopra, la ricerca di Voices from the blogs ha avuto anche l’indubbio merito di andare un pò più a fondo in quella che è l’altra faccia della medaglia dei giochi online. Una faccia sempre meno di nicchia e sempre più ampia, popolata da quei videogiocatori che puntano ai giochi online come i casino per poter sperare in una vincita e dare una svolta alla propria vita passando da questi prodotti e servizi di intrattenimento ludico. Pare infatti che ben il 12 per cento di chi utilizza tali piattaforme, abbia ammesso di poterlo fare per la speranza di una vincita, mentre per il 9 per cento il gioco online rappresenta – appunto – l’occasione per una svolta nella propria vita.

Insomma, il trend dei giochi online sembra essere ben lungi dallo spegnere il proprio entusiasmo, coltivando – giorno dopo giorno – nuovi videogiocatori e nuovi scommettitori. A cambiare è semmai la valutazione del comparto e la sua evoluzione: sempre più eterogenea (è ben difficile cercare oggi di sintetizzare il profilo medio del videogiocatore) e sempre più improntata a una piena esperienza di intrattenimento che, come abbiamo visto, possa passare anche mediante la condivisione di informazioni e risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *